Valle d'Aosta Piemonte Trentino Veneto Friuli Emilia Toscana Marche Umbria Lazio Abruzzo Campania Basilicata Calabria

Diverse fonti di finanziamento per sostenere la tua attività imprenditoriale possono essere attivate nel tuo Comune o Regione. E’ fondamentale rivolgersi all’Area protetta in cui risiedi o alla tua Associazione di Categoria Agricola per ottenere informazioni.

Abruzzo - Basilicata - Calabria - Campania - Emilia Romagna - Friuli Venezia Giulia - Lazio - Liguria - Lombardia - Marche - Molise - Piemonte - Puglia - Sardegna - Sicilia - Toscana - Trentino Alto Adige - Valle d'Aosta - Umbria - Veneto 

Tra i diversi sostegni economici a oggi in vigore è possibile individuare:
  • Fonti di finanziamento per sostenere l’adozione di misure di prevenzione: rientrano in questa voce gli incentivi previsti all’interno dei Piani di Sviluppo Rurale (Misura 4.1, 4.4 e 10, PSR) dell’Unione Europea (UE) mirati ad affrontare la vasta gamma di problemi economici, ambientali e sociali che caratterizzano le zone rurali (clicca sulla tua Regione per i PSR 2014-2020).
  • Fonti di finanziamento per sostenere l’agricoltura: rientrano in questa voce gli incentivi previsti dalla politica agricola comune (PAC).
  • Fonti di finanziamento “Progetto” specifici erogabili nel tuo comune o Regione: rientrano in questa voce i rimborsi o incentivi sostenuti da Progetti in corso (Progetti LIFE, Programmi di cooperazione transfrontaliera - INTERREG, Iniziative Regionali, Iniziative di ONG, etc.)
  • Premi pascolo gestito: rientrano in questa voce le indennità con le quali compensare, in tutto o in parte, gli agricoltori delle zone montane dei costi aggiuntivi e del mancato guadagno dovuti ai vincoli cui è soggetta la produzione agricola (vedi anche Misura 10 del PSR).
  • Programmi di certificazione “Wildlife Friendly” e “Predator Friendly” (www.wildlifefriendly.org): è una iniziativa nata negli Stati Uniti per sostenere gli imprenditori agricoli che si impegnano a operare nel rispetto delle specie selvatiche minacciate e mantenere i presidi produttivi nelle zone rurali.