Normativa di riferimento

Copertura assicurativa non agevolata per i danni da predazione sul bestiame domestico 2016  gestita da Co.Sm.An. (Consorzio Smaltimento Rifiuti di Origine Animale) ai sensi della Legge regionale Piemonte 24/2014, di abrogazione della legge regionale 11/2001, e ss.mm.ii, con Deliberazione della Giunta Provinciale (D.G.A) n 8 – 1318 del 20 aprile 2015. D.G.R n 20 – 3563 del 4 luglio 2016.

 

Per quale predatore è previsto il risarcimento (con riferimento esclusivamente a cane e lupo)

Lupo e cane.

 

Quali animali sono coinvolti

Patrimonio zootecnico indicato come ovini, caprini, bovini, bufaline,equidi, suini, cani zootecnici da lavoro e cani da guardiania.

 

Chi avvia il procedimento        

Co.Sm.An. (Consorzio Smaltimento Rifiuti di Origine Animale)

 

Chi verifica il danno sul campo      

L’Azienda ASL competente per territorio.

 

 Modulistica e documentazione da presentare

Al fine di aprire una pratica di polizza non agevolata per la copertura dei danni, il proprietario del bene danneggiato  deve fornire: a) copia del certificato di avvenuto accertamento; b) visura della BDN che attesti l’avvenuto decesso; c) denuncia presentata presso la Pubblica Autorità degli animali dispersi che dovranno essere identificati secondo le norme vigenti; d) documentazione attestante l’iscrizione del capo al Libro Genealogico e/o al Registro Anagrafico del capo detenuto; e) certificazione di appartenenza ad una razza in via di estinzione.

 

Quando presentare la domanda        

Entro 30 giorni dalla data del sinistro.

 

Chi si occupa dello smaltimento degli animali

Contattare il Servizio Veterinario locale e la propria Associazione di Categoria Agricola e gli allevatori sono coperti da una assicurazione specifica.

 

Risarcimento previsto        

Il valore assicurato è determinato in base a: a) numero capi assicurati; b) valori assicurati unitari medi che sono convenzionalmente stabiliti e indicati nelle tabelle fornite da Co.Sm.An. E’ prevista polizza agevolata per le spese di smaltimento dei capi morti in allevamento per attacchi predatori e recuperi in montagna con mezzi aerei o speciali e per il mancato reddito. Nono sono idennizzati i capi dispersi, animali non identificabili, animali feriti con spese documentate oltre il terzo giorno dall’evento,capi smarriti senza regolare denuncia e le spese per ricerca dei capi dispersi.

 

Criteri di esclusione dal contributo

L’ assicurato verrà escluso dal contributo se: a) non si attiene a norme forestali, veterinarie, di sanità animale e anagrafe ed identificazione dei capi; b)  non consente visite e sopralluoghi di consulenti della società e rifiuta di seguirne eventuali consigli; c) se non fornisce al bestiame adeguata custodia (prevenzione del danno) e adeguate cure ed alimentazione.

 

Responsabile del procedimento       

Co.Sm.An.

 

Termini di conclusione del procedimento  

Entro 30 giorni dalla chiusura dell’istruttoria viene corrisposta all’assicurato una liquidazione provvisoria (50% del danno indennizzabile); entro il 28 febbraio dell’anno successivo l’assicurazione invierà la liquidazione del danno tenendo conto del conteggio annuale consuntivo.

 

 

Contatti (Ufficio competente o sito-web in cui sono riportati i contatti in caso di danno)

http://www.cosmanpiemonte.it/index.php/home/contatti

Torna a se subisco un danno