Normativa di riferimento

Legge Regionale 26/2012 (art. 26) e ss.mm.ii. Legge regionale 12/2013.

 

Per quale predatore è previsto il risarcimento (con riferimento esclusivamente a cane e lupo)

Lupo

 

Quali animali sono coinvolti

Patrimonio zootecnico indicato come ovini, caprini, bovini ed equidi.

 

Chi avvia il procedimento        

Ufficio Caccia della Provincia (dal 2016 all’Ufficio Caccia Regionale Territoriale).

 

Chi verifica il danno sul campo      

L’Ufficio Caccia della Provincia, entro 30 giorni successivi la richiesta, procede agli accertamenti del caso anche mediante verifiche, ispezioni e sopralluogo.

 

Modulistica e documentazione da presentare

Nella legge regionale 26/2012 non vi è alcun accenno alla documentazione da presentare. Ogni provincia ha un modulo di richiesta di risarcimento nel quale sono elencati i documenti da allegare. In generale si richiede: a) documentazione attestante la proprietà e la (eventuale) conduzione del fondo agricolo in oggetto (in copia); b) documentazione tecnica che attesta l’entità del danno subito (es. perizie di tecnico abilitato sullo stato dei luoghi e quantificazione danno, con relative metodologie di calcolo; denunce presentate; fotografie dei luoghi, etc.); c) fotocopia di un documento di riconoscimento.

 

Quando presentare la domanda        

Il soggetto danneggiato è tenuto a denunciare il danno, entro trenta giorni dall’evento, all’ufficio caccia della Provincia che entro i successivi trenta giorni procede agli accertamenti del caso anche mediante verifiche ed ispezioni sopralluogo.

 

Chi si occupa dello smaltimento degli animali

Contattare il Servizio Veterinario locale e la propria Associazione di Categoria Agricola.

 

Risarcimento previsto        

Attualmente viene risarcito il 100% dei danni accertati.

 

Criteri di esclusione dal contributo

n.r.

 

Responsabile del procedimento       

Amministrazione della Provincia, ma dal 2016 le funzioni sono riallocate alla Regione (Uffici Territoriali).

 

Termini di conclusione del procedimento  

Entro 180 giorni dal ricevimento della richiesta e se è disponibile la copertura finanziaria; altrimenti la Giunta regionale comunica al danneggiato che l’indennizzo è liquidato con priorità l’anno successivo alla ricostituzione del fondo.I danni arrecati dalle specie selvatiche possono essere indennizzati anche mediante polizze assicurative stipulate dalle Province o dagli organi di gestione degli ATC, di cui all’articolo 36.6. I danni provocati negli ATC sono accertati ed indennizzati dagli organi di gestione degli stessi. La Provincia, obbligatoriamente informata per conoscenza, può disporre accertamenti a mezzo dei propri uffici tecnici. L’indennizzo dei danni provocati nelle strutture faunistiche a gestione privata fa carico ai rispettivi concessionari.

 

Contatti (Ufficio competente o sito-web in cui sono riportati i contatti in caso di danno)

Città metropolitane competenti.

Torna a se subisco un danno